top of page

ANALISI QUALITATIVA

Per essere sicuri della qualità del nostro zafferano

Che il nostro zafferano sia buono ce lo diciamo spesso, ma il nostro è un parere di parte. Con tutta la fatica che abbiamo fatto per ottenerlo non possiamo che essere  fin troppo orgogliosi del raccolto.

E’ vero anche che tante persone dopo aver provato lo zafferano in pistilli sono tornati a comprarne altro, dicendoci che è buono per davvero. Quasi tutti notano la diversità che c'è sopratutto rispetto alle bustine acquistate al supermercato: cambia totalmente il gusto e il colore. Ma anche questi sono pareri soggettivi, magari detti per cortesia.

Ora finalmente abbiamo un riscontro tangibile, nero su bianco: l’Unimont – Università degli Studi di Milano, sede di Edolo – ci dice che un amore di zafferano è eccellente.

Abbiamo fatto analizzare il nostro raccolto 2018 nel loro laboratorio, facendo i test qualitativi prescritti dalla normativa ISO 3632. I risultati confermano: lo zafferano è proprio buono, di prima categoria.

L’aroma dello zafferano si compone di tre elementi principali:

  • Crocina e crocetina, responsabili del potere colorante.

  • Safranale: responsabile del potere aromatico.

  • Pirocrocina: responsabile del potere amaricante.

 

I nostri stimmi rientrano pienamente nella classe 1, ovvero l’eccellenza qualitativa: le misurazioni per tutti e tre gli elementi superano largamente i valori stabiliti dalla normativa come limite soglia. Anche il tasso di umidità riscontrato nell’analisi di laboratorio è ottimale: essiccazione corretta. La nostra spezia quindi è ufficialmente di prima categoria, tra i migliori zafferani del mondo.

quality-control-certified-stamp-2-1024x1

Questo file rappresenta l'analisi a cui abbiamo sottoposto il nostro zafferano, secondo lo standard internazionale (ISO:3632), per la identificazione della sua categoria di qualità

bottom of page